Tag Archives: Firenze

Prossima assemblea MFSP mercoledì 4 giugno

Mercoledì 4 giugno ci sarà l’assemblea di MFSP
al circolo delle due strade, alle 21.00
via senese 129r Firenze

l’ordine del giorno provvisorio
1) comunicazioni
2) prosecuzione del lavoro di preparazione della 3 giorni di fine giugno
con eventuale suddivisione nei vari gruppi di lavoro

Sabato scorso con una sola mattinata di lavoro collettivo abbiamo ripulito l’area per per le tende
e realizzato la massicciata per la zona lavabi,
oltre a eseguire una veloce cura dell’orto.
La massicciata è stata realizzata con le pietre estratte in questi mesi dalla terra dove stiamo facendo l’orto.
Alle 13 abbiamo fatto il pranzo condiviso.
Ci siamo poi suddivisi nei vari gruppi di lavoro decisi all’assemblea di giovedì scorso
e alle 16,00 abbiamo riportato quanto discusso a tutti i presenti.

ricordo
i GRUPPI DI LAVORO PER LA 3 GIORNI
in questo foglio online trovate i gruppi (aperti) e le persone che vi parteciperanno
https://docs.google.com/spreadsheets/d/1LiUXFGimxiUJtARwuVGKTv9tIb8hL6l_ZzoA0qIkfr4/edit#gid=0
completate i dati mancanti e chi si vuole aggiungere si aggiunga

e la petizione online
https://www.change.org/it/petizioni/enrico-rossi-mondeggi-resti-fattoria-senza-padroni

calcio-balilla

Prossima assemblea MFSP 29 maggio 2014

Giovedì sera ci sarà l’assemblea di MFSP
al circolo delle due strade, alle 21.00
via senese 129r Firenze

l’ordine del giorno provvisorio
1) preparazione della 3 giorni di presidio contadino a Mondeggi del 27-28-29 giugno

comunicazioni:
a) sabato scorso, dopo il lavoro contadino della mattina,
abbiamo effettuato i sopralluoghi per l’organizzazione della 3 giorni.
È stato scelto di sviluppare la 3 giorni nei pressi di Cuculia,
utilizzando eventualmente l’area feste per alcune attività.
I gruppi di lavoro che abbiamo individuato sono i seguenti:

1) Preparazione logistica del presidio (parcheggio, servizi igienici, ripulitura dell’area, servizio d’ordine)
2) Cucina (con possibilità di appoggiarci all’esterno)
3) Attività di intrattenimento
4) Attività di lavoro agricolo, approfondimento, elaborazione e delibera
5) Comunicazione e finanziamento

b) per chi ancora non l’ha fatto, ricordo di sottoscrivere e divulgare la petizione online
https://www.change.org/it/petizioni/enrico-rossi-mondeggi-resti-fattoria-senza-padroni

calcio-balilla

Mondeggi all’Agorà Fiorentina 2014

agora agraria

Le ultime notizie sul futuro della tenuta di Mondeggi sono allarmanti non solo per il movimento “Verso Mondeggi Bene Comune” ma per tutto il territorio.

La Provincia è intenzionata di concludere in tempi brevi, non oltre comunque la fine del 2014, la vendita della tenuta di Mondeggi. La decisione va presa per la necessità di trovare i soldi dovuti alla copertura del decreto “80 euro” voluto dal governo.

Vi inviamo il comunicato stampa relativo alle proposte del Comitato “Verso Mondeggi Bene Comune, fattoria senza padroni” sul futuro della tenuta di Mondeggi e i pericoli delle scelte della Provincia di Firenze.

È gradita la più ampia partecipazione alla conferenza stampa:

PROPOSTE SUL FUTURO DI MONDEGGI PER IL BENE COMUNE DEL TERRITORIO
Progetto partecipato sperimentale per un’agricoltura ed un’economia innovative e un benessere collettivo

venerdì 23 Maggio, ore 10:00, Facoltà di Agraria, Piazzale delle Cascine 18, Firenze.

 

La vendita, secondo quanto annunciato dall’ente, avverrà con una base d’asta “da svendita”. In questo modo, si perderebbe un bene pubblico di grande potenzialità, che potrebbe trasformarsi in un modello sperimentale di sviluppo sostenibile per tutta la regione Toscana.

La tenuta di Mondeggi non è proprietà della Provincia, ma un bene pervenuto all’ente con un vincolo di destinazione d’uso: finalità di natura sociale. Questo vincolo non può essere ignorato, con la vendita sul mercato immobiliare, come se si trattasse di un qualsiasi altro bene generico del patrimonio provinciale.

Questa è la posizione del Movimento “Verso Mondeggi Bene Comune” che ha proposto da mesi la trasformazione di Mondeggi in bene a disposizione della collettività, una fattoria basata sull’agricoltura contadina in grado di produrre alimenti sani, lavoro per i giovani e servizi polifunzionali.

Mondeggi deve rimanere aperta agli abitanti dei territori vicini. L’uso e l’accesso ad un luogo che ha pochi eguali, di grande storia testimoniata dal parco agricolo e dall’antica Villa, non può essere negato alla gente, a vantaggio di speculazioni private.

Ci sono molti motivi perché ciò non avvenga. Eccoli:

La prima: con il moltiplicarsi di eventi calamitosi causati, per le mutate condizioni meteorologiche e per il degrado del territorio, non si può privare ancora il territorio di possibilità di opere di manutenzione e cura. Non va dimenticato che la vallata dell’Ema, sul cui bacino idrografico insistono i 200 ettari di Mondeggi, è stata già vittima in passato di alluvioni che hanno provocato ingenti danni.

Il movimento “Mondeggi Bene Comune” si ripropone di custodire questa area, con attività di manutenzione e recupero del paesaggio agrario sconvolto da anni di incuria e di abbandono. Solo con il lavoro dei contadini-custodi potrà essere garantito un risultato che nessuna azienda privata potrà ottenere. In tal senso i contadini-custodi di Mondeggi si candidano a offrire una prospettiva di riabitazione e gestione del territorio agricolo che, attualmente privo di qualsiasi intervento di manutenzione, è destinato a produrre in futuro effetti disastrosi a causa dell’aumento del dissesto idrogeologico di questa porzione di territorio.

La seconda ragione poggia le basi sulla necessità, in un momento di crisi profonda del lavoro, di cercare soluzioni concrete e stabili al futuro dei giovani.

I giovani contadini–custodi propongono alle istituzioni, alla politica, alla comunità una ricetta semplice e di basso costo. Il capitale terra, che l’ente Provincia ha ereditato perché venisse realizzato una sede di manicomio, dovrebbe offrire una possibilità di futuro ai giovani con un lavoro che comporti bassi costi di investimenti e una remunerazione in grado di offrire una prospettiva di lavoro. I 200 ettari della fattoria di Mondeggi Bene Comune possono offrire la possibilità di un lavoro ad almeno 30 persone, garantendo l’arresto del degrado di un bene che appartiene a tutti e che proprio per questo abbandono ha perso nel tempo molto del suo valore. Il riscatto di Mondeggi passa inevitabilmente anche dal riscatto del lavoro dei suoi futuri abitanti e rappresenta un segnale chiaro lanciato a chi non ha altro da offrire che vendere beni comuni per arginare le falle di un’economia sempre più in difficoltà.

La terza ragione è quella legata all’alimentazione e al paesaggio agricolo del nostro paese. Sarebbe quanto meno contraddittorio che, nel momento in cui tutti parlano di riqualificare la produzione di alimenti con produzioni agricole locali, a Mondeggi si proceda in senso opposto, svendendo un bene agricolo destinato ad un mercato finanziario-speculativo non certo interessato a puntare sulla vocazione agricola polifunzionale di questo bene che invece appartiene all’opzione contadina che è il fulcro della proposta del Comitato.

 

Mondeggi si propone come naturale prolungamento di un progetto di nuova agricoltura e nuova alimentazione che ruota intorno alla rete dei Gas (Gruppi di acquisto solidale), dei mercati dei produttori agricoli locali, della difesa della proprietà pubblica dei semi, della difesa della proprietà pubblica dell’acqua, della necessaria ricerca di forme di produzione agricola in armonia con la natura, per una alimentazione che sia causa di salute e non di malattia, per un paesaggio agrario che testimoni la bellezza del nostro paese e inverta la marcia del degrado a cui da troppo tempo abbiamo assistito.

Mondeggi in tal senso costituisce un caso esemplaredi paesaggio agrario storico monumentale che le attività preliminari del Gruppo hanno messo in luce e che può costituire la base per sviluppare attività sociali complementari a quelle agricole, a servizio della Comunità circostante e metropolitana.

 

Chiamiamo e invitiamo le comunità che vivono intorno a questo bene, le Amministrazioni pubbliche, la politica a farsi carico di questa responsabilità offrendo una via d’uscita ai giovani con poche prospettive di futuro e ad un territorio sempre più destinato a incontrare abbandono e degrado.

Non è facendo cassa con una vendita/svendita che si risolvono i problemi, ma con un lento e attento impiego delle mille Mondeggi sparse per il territorio italiano che indichino strade nuove di riabitazione dei diversi territori.

Esperienze di questo tipo si stanno moltiplicando in molte zone d’Italia: Caicocci in Umbria; il comprensorio agricolo di Tor Marancia nel comune di Roma; l’isola di Poveglia nella laguna veneta; l’esperienza del Teatro Valle a Roma; il Municipio dei Beni Comuni e Distretto 42 di Pisa sono solo alcuni di questi territori.

È tempo che su questo tema si sensibilizzi tutto il nostro paese.

Insieme con Vandana Shiva, lanciamo a tutti i giovani senza futuro e senza lavoro un appello: ritorniamo a occuparci della terra e dell’agricoltura, l’unica occupazione in grado di guarirci da un’economia tossica che fa ammalare tutti.

Il 27, 28 e 29 giugno tutti quelli che sono in cammino in questa direzione si ritrovano a Mondeggi per costruire e dare corpo a questo progetto di futuro.

 

Per illustrare le linee guida del progetto “Mondeggi Bene Comune” si terrà una Conferenza Stampa il giorno 23 Maggio 2014 alle ore 10 alla Facoltà di Agraria a Firenze.

Comitato Verso Mondeggi Bene Comune, fattoria senza padroni

http://tbcfirenzemondeggi.noblogs.org/
https://www.facebook.com/mondeggi.benecomune

https://www.change.org/it/petizioni/enrico-rossi-mondeggi-resti-fattoria-senza-padroni

 

#Agorà2014

#Agoràfiorentina

Qui l’evento Facebook

23 – 24 maggio, parole in movimento: facoltà di Agraria, parco delle cascine

Venerdì 23

ore 17,30 – Quali diritti? Valori e retoriche dei movimenti in Italia. Ne parliamo con:

– Francesco Piccioni (Contropiano)

– Simone Sisti (Infoaut)

– Silvano Cacciari (SenzaSoste)

ore 20,30 – Cena benefit per l’Assemblea verso Mondeggi Bene Comune (fattoria senza padroni) con presentazione del progetto

Sabato 24

ore 15 – Quali risorse per l’umanità? Fine del petrolio e altre piccole apocalissi prossime venture. Ne parliamo con Giovanni Pancani

ore 17 – Quale ricchezza per i lavoratori? Tempo, salario, reddito. Ne parliamo con:

Laboratorio Acrobax e Clash City Workers

ore 20 – Apericena vegano

ore 21,30 – Beni comuni: inclusivi o esclusivi? Ne parliamo con:

Luigi Lombardi Vallauri e l’assemblea verso Mondeggi Bene Comune

Prossima assemblea 8 maggio 2014

La nostra prossima assemblea è fissata per
giovedì 8 maggio
ore 21,00 al circolo delle due strade, via senese 129/r a Firenze

Ordine del giorno

1) Resoconto dell’incontro in Provincia e di quello al comune di BaR circa il nostro progetto per Mondeggi
2) Resoconto della festa del 1° maggio a Mondeggi

3) Sostegno alla cooperativa Il Cerro
4) Convocazione dell’assemblea successiva
5
) Varie ed eventuali

calcio-balilla

Festival dei semi

 

Il 28 e 29 aprile Firenze ospita il

Festival dei semi, del Cibo e della Democrazia della Terra.
con Vandana Shiva per una nuova economia

Il 28 Aprile 2014
“Terra Bene Comune Firenze”
e “Verso Mondeggi Bene Comune Fattoria senza Padroni”
incontrano Vandana Shiva
sul tema Mondeggi e la Democrazia della Terra

all’Orto Botanico Sala Strozzi ore 17

 

http://tbcfirenzemondeggi.noblogs.org/
https://www.facebook.com/mondeggi.benecomune

piantine_orto